Giugno 13, 2019

Storia del quartiere a luci rosse di Amsterdam

Il quartiere a luci rosse di Amsterdam è famoso in tutto il mondo per il suo approccio piuttosto unico e legalizzato all’intrattenimento per adulti. I bar della cannabis, i bordelli e gli strip club ora abbondano di una storia tumultuosa, ma affascinante, di legalizzazione e demonizzazione dei servizi per adulti.

Quello che ora è conosciuto come il quartiere a luci rosse iniziò lungo le rive del fiume Amstel intorno al XIII secolo. Si trova in una zona nota come De Wallen, così chiamata per via delle mura costruite lungo il fiume, che includevano cancelli che potevano essere aperti o chiusi per evitare allagamenti. In tempi moderni De Wallen è per lo più terraferma, ma originariamente l’area era situata molto vicino alle zone portuali, il che l’ha portata a diventare un’area popolare per commercianti, marinai e prostitute. Ciò ha portato l’area a sviluppare la sua reputazione che è persistita in alcuni stati nel corso dei secoli.

La prostituzione è stata variamente legalizzata e criminalizzata nel corso della storia del quartiere a luci rosse. Uno dei punti di svolta storicamente più notevoli si è verificato alla fine del XVI secolo in quella che è conosciuta come la rivolta olandese. La rivolta comprendeva molti eventi nel corso di 80 anni (e di conseguenza viene talvolta definita Guerra degli Ottant’anni) ma il risultato per il quartiere a luci rosse fu che i protestanti vittoriosi misero fuori legge la prostituzione. Il lavoro sessuale continuò, ma guidò quello che era un commercio clandestino tacitamente accettato.

Napoleone e il quartiere a luci rosse

Il quartiere a luci rosse di Amsterdam è famoso in tutto il mondo per il suo approccio piuttosto unico e legalizzato all’intrattenimento per adulti. I bar della cannabis, i bordelli e gli strip club ora abbondano di una storia tumultuosa, ma affascinante, di legalizzazione e demonizzazione dei servizi per adulti.

Quello che ora è conosciuto come il quartiere a luci rosse iniziò lungo le rive del fiume Amstel intorno al XIII secolo. Si trova in una zona nota come De Wallen, così chiamata per via delle mura costruite lungo il fiume, che includevano cancelli che potevano essere aperti o chiusi per evitare allagamenti. In tempi moderni De Wallen è per lo più terraferma, ma originariamente l’area era situata molto vicino alle zone portuali, il che l’ha portata a diventare un’area popolare per commercianti, marinai e prostitute. Ciò ha portato l’area a sviluppare la sua reputazione che è persistita in alcuni stati nel corso dei secoli.

La prostituzione è stata variamente legalizzata e criminalizzata nel corso della storia del quartiere a luci rosse. Uno dei punti di svolta storicamente più notevoli si è verificato alla fine del XVI secolo in quella che è conosciuta come la rivolta olandese. La rivolta comprendeva molti eventi nel corso di 80 anni (e di conseguenza viene talvolta definita Guerra degli Ottant’anni) ma il risultato per il quartiere a luci rosse fu che i protestanti vittoriosi misero fuori legge la prostituzione. Il lavoro sessuale continuò, ma guidò quello che era un commercio clandestino tacitamente accettato.

Napoleone e il quartiere a luci rosse

Il quartiere a luci rosse oggi

De Wallen Amsterdam

Il progetto 1012 è stato lanciato nel 2007, dal nome del codice postale della zona. Il suo scopo era quello di migliorare la squallida reputazione dell’area e coinvolgeva progetti di gentrificazione che portarono nuove attività, come ristoranti, caffè e boutique, e tentarono di scacciare la criminalità. I bordelli esistevano ancora, ma il loro numero era notevolmente ridotto.

Ciò ha portato le prostitute a scendere in piazza per protestare nel 2015 contro il governo che ha chiuso così tanti bordelli. Da allora alcuni bordelli finestra sono stati riaperti e altri hanno chiuso. Esistono varie iniziative, come My Red Light, che mira a consentire alle prostitute di gestire i propri bordelli finestra tenendo fuori la criminalità organizzata.

Oggi il quartiere a luci rosse è conosciuto in tutto il mondo come uno dei luoghi più sicuri per condurre la prostituzione legale, con pattuglie regolari della polizia, registrazione obbligatoria e controlli sanitari che aiutano a mantenere l’area sicura sia per le prostitute che per i clienti.

Couponcode: bye2020

 

Book online, by phone or mail.

Great discount on the best Boutique hotel in Haarlem